mercoledì 15 aprile 2015

Fango, capelli e sementi.


Il ciliegio del mio giardino


Mi guardo le mani. Non c'è crema che stabilizzi la pelle, che mi rattoppi i lembi lacerati di ferite evidenti e di quelle meno profonde.
Ho buttato tutta l'anima, insieme ad esse, nel sentore di questa primavera adolescente. 

Guardo pure le ginocchia: le ho appoggiate alla terra, arrivando ad infangarmi persino i capelli, in quell'attimo di raccoglimento con il semenzaio.

Osservo adesso le mie scarpe, quelle che ho affondato nell'erba: l'ho aggiustata in altezza, limando la sua alterigia e imponendole un limite che già domani, negletta, non rispetterà.

Mi riconcilio finalmente con tutto quello che è fuori. 
Che possa calmare pure le disillusioni di dentro.
Me lo merito.