mercoledì 30 novembre 2016

Di scrittura

Si sbaglia chi paragona la scrittura ad una valvola di sfogo.
Non ci si può sfogare, costringendo gli altri a farsi carico delle proprie decadenze di spirito o delle felicità improvvise.
 
Chi legge non è un nostro confidente né tanto meno un nostro confessore.
Chi ha deciso di fermare gli occhi sulle parole che abbiamo messo in fila, ci sta concedendo tempo, suo tempo.
 
Io non mi permetto di occupare inutilmente i momenti di chi mi dedica una parte di sé. Prima di digitare una sola lettera sulla tastiera, ricordo a me stessa che a quella persona potrebbe fregare meno di niente di leggere i miei sfoghi di petto, per esempio.
Certo, scrivo e scrivo molto. Ma peso pure le parole. 
 
#scrittura #scrivoindipendente #scrivere