martedì 3 giugno 2014

La -d- eufonica, la sua triste sorte





Non aspetto altro, sono pronta a liberarla. 
Ogni volta che mi si presenta l'occasione, io la cerco, la raccolgo e la lascio andare. 
E preserverò per sempre la mia amata eufonica, sì, proprio quella - d - che sguscia, che mi scappa quando la penna vorrebbe scivolare nel punto in cui la vocale di prima dà il fiato su quella che viene subito dopo.
Ed ecco che corre in aiuto della lingua, per non farla affogare nel turbine aperto, la mia - d - eufonica. 
La mia amata - d - che mi suona in armonia e dirime l'insidia delle vocali.

Appartengo a quel gruppo ormai ristretto di persone che prediligono l'uso di questa compagna fidata che, frapponendosi tra una vocale ed un'altra, mi lascia quella breve pausa di assenso al respiro. Mi permette di non penare con il fiato lungo ma di temporeggiare, inspirando ed espirando.

Non a caso sarà stata definita eufonica, un aiuto alla piacevole riuscita del suono che, grazie ad essa, alla mia - d -, non si intreccia scivolando ma si determina musicando l'interruzione.
L'eufonia, m'insegnarono, sottolinea proprio quella dolce sonorità di tono che è sì piacevole all'udito, derivando il termine dal greco ϕωνή, la voce appunto, annunziato dal prefisso εὖ (bene). Buona voce insomma, buona musica, buona melodia.

Mi rammarico spesso di quanto il nostro tempo ingrato e gretto, che esige fatti concreti e parole poche, proceda in avanti, dimenticando ed anzi invogliando all'abbandono di quelle delicatezze che hanno fatto della nostra lingua la storia e ne hanno sottolineato il fascino.

In tanti consigliano un uso limitato della - d - eufonica. Su questo sarei anche d'accordo, almeno fino a quando l'eccesso potrebbe far cadere nella bruttura opposta, vale a dire la cacofonia.
Non mi sembra però corretto, come alcuni fanno, incitare verso il lento allontanamento e verso la desuetudine di una tale foggia  che, reputo, di raffinatezza.

Ognuno è libero di scegliere la musicalità della penna.
Ed io scelgo la mia.
Viva la - d - eufonica!